Home divisorio Basket divisorio News divisorioBasket Lecco, sfortuna infinita Partita stoica a Bologna ma ancora ko

Basket Lecco, sfortuna infinita Partita stoica a Bologna ma ancora ko

02/11/2014

Galleria fotografica

Ancora una sconfitta di misura, ancora una prestazione maiuscola che però non lascia traccia in classifica: il Basket Lecco esce sconfitto 66-64 dal Paladozza di Bologna contro la Fortitudo. Gara stoica per molti versi quella dei blucelesti: senza Piunti e con un Dagnello in panchina ma infortunato, i ragazzi di Meneguzzo lottano 40' contro una delle favorite del girone, davanti a un pubblico numerosissimo e caldissimo (50mila€ donati dalla tifoseria bolognese alla società, roba dell'altro mondo rispetto all'interesse del territorio lecchese nei confronti della pallacanestro) senza mai mollare di un centimetro. Ancora una volta però gli ultimi secondi sono sfortunati, costringendo il Lecco alla sesta sconfitta consecutiva entro i due possessi (e spesso entro uno di possesso).

Il Lecco entra in campo dimostrando una personalità non comune per una squadra così giovane: capian Shaggy si prende ottime responsabilità offensive siglando i primi 7 punti dei blucelesti, dall'altra parte Bologna fatica tantissimo a ingranare in attacco, soffrendo oltremodo l'assenza di Lamma, grazie a una difesa lecchese davvero molto presente con Todeschini sugli scudi (6 rimbalzi e tante deflection per lui) . Capitanelli ingaggia una lotta all'ultimo sangue con Iannilli uscendone spesso vincitore, ed è proprio del lungo romano il canestro del +7 (5-12 al 7'). La Fortitudo trova buone soluzioni solo da Samoggia e così Mascherpa può andare in zingarata per il 9-14 con il quale si chiude il primo quarto.
Il Basket Lecco non si ferma e anzi, dopo la tripla di Samoggi, piazza un 6-0 ispirato dalla coppia De Angelis-Capitanelli per il massimo vantaggio sul 12-21 al 6'. Meneguzzo prova a mischiare le carte difensive con delle zone match up che riescono a imbrigliare efficacemente l'attacco bolognese. La scossa alla Fortitudo la dà il giovane Candi: prima uan tripla, poi una carica contagiosa che aumenta l'intensità difensiva dei suoi. Mascherpa prova a togliere le castagne dal fuoco con una tripla ma Mancin e Montano con due canestri mandano le squadre al riposo lungo sul 22-24.
Ottimo il piano partita di Meneguzzo che ha puntato molto sulla difesa, togliendo ritmo a una Fortitudo che ha dimostrato che se può correre può fare davvero male. Bene il controllo ai rimbalzi, considerando la pesante assenza di Piunti, 22-17 per gli emiliani, e delle palle perse, solo 5 contro le 9 della Effe.

La ripresa si apre con una tripla di Todeschini, subito risposta da Samoggia (autentico rebus per il Lecco, finirà con 23 punti) ma a questo punto sale in cattedra De Angelis: il lungo lecchese sfrutta al meglio il cambio sistematico della Fortitudo e punisce sia da sotto che da lontano (25-32 al 23'). Samoggia, ancora lui, riavvicina i bolognesi e, cosa anche più importante, trova terzo e quarto(per fallo tecnico) fallo di Capitanelli che si deve sedere in panchina. Il Basket Lecco però trova energie dalle difficoltà: Farinatti, improvvisato centro, lotta come un leone, Mascherpa risponde al mittente il sorpasso bolognese con una super tripla. Partita fantastica, con un pubblico davvero da serie A (magari ci fosse questo calore a Lecco, verrebbe da pensare).
Si entra negli ultimi 10' sul 42-44 ma poco dopo la Fortitudo è sul 51-46: l'assenza di centimetri pesa e Raucci spadroneggia a rimbalzo offensivo. Meneguzzo ributta nella mischia Capitanelli che dà subito il proprio contributo ed esalta i compagni, in particolare Negri che da tre riavvicina i suoi, prima che Mascherpa pareggi a quota 53 a 5' dalla fine. A questo punto la gara potrebbe cambiare, con Capitanelli a cui viene comminato un tecnico per simulazione e deve uscire dalla partita, ma il Lecco trova ancora energie con Mascherpa che piazza la tripla del +3 (54-57 al 37'). Come nei migliori film, esce allo scoperto proprio nel finale il protagonista inaspettato: Montano, autentico disastro fino ad allora, tiene a contatto i suoi ribattendo dalla lunetta a ogni tentativo lecchese di scappare via (tripla di De Angelis). Si arriva a 18” dalla fine sul 63-64, Meneguzzo ordina il fallo per aver l'ultimo tiro, questa volta Montano fa 1 su 2, De Angelis cattura il rimbalzo ma commette una fiscale infrazione di passi, la Effe ha un'altra chance e Montano, con molta esperienza e compiacimento arbitrale, lucra altri due liberi. L'esterno bolognese è freddo e fa 2 su 2 (66-64 a 6” dalla fine), Todeschini prova il canestro del pareggio ma la Fortitudo riesce a chiudere e così arriva l'ennesima sconfitta di misura per il Basket Lecco.

FORTITUDO BOLOGNA- BASKET LECCO 66-64
FORTITUDO BOLOGNA
: Valentini 2, Iannilli 4, Samoggia 23, Montano 15, Raucci 10, Pesino, Candi 9, Grilli 1, Mancin 2, Lenti.
BASKET LECCO: De Angelis 19, Mascherpa 15, Todeschini 9, Capitanelli 4, Negri 17, Gnecchi, Farinatti, Dagnello, Pizzul, Riva.

Marco Corbetta

In collaborazione con a:

Forum in manutenzione per rinnovo del server.