Home divisorio Calcio divisorio News divisorioIl Piacenza sbanca Lecco, decisivo l'arbitro Massimi

Il Piacenza sbanca Lecco, decisivo l'arbitro Massimi

15/09/2013

Blucelesti al tappeto

[Fotoservizio Alessandro Menegazzo]



L'arbitraggio indecente del "signor" Luca Massimi da Termoli sta regalando tre punti al Piacenza nella terza giornata del campionato di Serie D. Un rigore inesistente concesso agli emiliani, uno netto negato al Lecco, le mancate espulsioni del piacentino Giovanni Rossi autore di due falli da ammonizione nel primo tempo e del suo collega Tognassi per un bruttissimo fallo al limite dell'area su Cardinio nel finale e quella inventata ai danni di Matteo Aldegani nel corso della ripresa sono solo gli episodi più evidenti di una direzione di gioco a senso unico in favore del Piacenza, che in un Rigamonti-Ceppi a porte chiuse ha vinto forse più per il proprio blasone che per altro. Ciò non toglie che quello visto oggi è stato un Lecco decisamente brutto, rinunciatario fin dalla lettura di una formazione ancora a una sola punta. In campo il Piacenza ha dominato, anche se forse non avrebbe vinto senza i tanti regali del signor Massimi. Fatto sta che il Lecco ha ora un solo punto dopo tre giornate di campionato. E a questo punto urge una riflessione a 360 gradi.

Mister Giuseppe Butti schiera la squadra con lo stesso 3-5-1-1 visto domenica scorsa a Darfo Boario e bastano pochi minuti per capire che il risultato sarà lo stesso al cospetto di una squadra la cui età media, under a parte, fiora i 30 anni. In avvio di partita l'esperto Piacenza domina infatti i blucelesti, arroccati in difesa e con il solo Davide Castagna isolatissimo nella metà campo emiliana. Le occasioni da gol per il Piacenza fioccano e la più clamorosa è al 22', quando De Vecchi serve Marrazzo, che salta Ghislanzoni e calcia a botta sicura, trovando però il salvataggio sulla linea di Redaelli. Al 24' il Lecco prova a spezzare l'assedio degli ospiti: sugli sviluppi di un calcio piazzato c'è il violento tiro dalla distanza di Mauri che impegna Ferrari in una corta respinta; sulla palla irrompe Aldegani ma il guardalinee sbandiera il fuorigioco. Passa un minuto e c'è l'eurogol di Castagna che raccoglie un pallone fuori area e lo scarica sotto l'incrocio con uno strepitoso sinistro a spiovere. Il Piacenza accusa il colpo ma pochi minuti riprende saldamente in mano le redini del match e al 35' trova il pareggio con una grande giocata di De Vecchis che, pressato al limite da due avversari, riesce a girarsi e a battere Ghislanzoni con un bel destro che si insacca nell'angolino. Allo scadere il Piacenza si rende ancora pericolosissimo con un calcio d'angolo che un giocatore ospite devia da pochi passi a fil di palo. Finisce così 1 a 1 un primo tempo di netta marca biancorossa, con il gran gol di Castagna che è stato l'unico lampo nel buio bluceleste.

La ripresa inizia con gli stessi ventidue in campo e con la stessa pioggia torrenziale con cui si era conclusa la prima frazione. Il Piacenza riparte subito all'attacco guadagnando l'ennesimo calcio d'angolo. Al 4' è però il Lecco a provarci con Romeo, la cui conclusione è però bloccata da Ferrari. Il Lecco sembra più deciso e al 9' si rende pericoloso sugli sviluppi di un corner con un tiro cross di Redaelli che Castagna devia a fil di palo con la complicità del tocco di un difensore. Al 12' l'arbitro, già in precedenza contestato per aver usato due pesi e due misure nella distribuzione dei cartellini, assegna un rigore al Piacenza per un tocco di mano di Romeo appena fuori dall'area di rigore. Secondo il direttore di gara il tocco, peraltro involontario e sfortunato perché la palla è rimbalzata sul ginocchio del centrocampista carambolando sul braccio, è dentro l'area e il Piacenza passa in vantaggio con Marrazzo. Al 18' il Lecco va vicinissimo al pareggio con Aldeghi che, sugli sviluppi di un cross di Mauri, riesce a rovesciare in area la sfera che viene deviata da un difensore a fil di palo. Incredibile la decisione dell'arbitro che al 26' nega un rigore solare al Lecco quando Romeo salta Cavicchia che lo stende da dietro. Ma il direttore di gara ammonisce Romeo per una presunta simulazione. Ancora più scandalosa la decisione di Massimi che al 33' espelle Aldegani per un fallo a metà campo che poteva essere meritevole di ammonizione. Rop de matt... Al 37' il Piacenza chiude i conti con il neoentrato Martino che, lanciato da De Vecchis, sorprende la retroguardia bluceleste e infila Ghislanzoni in uscita. Al 39' ancora Martino potrebbe andare a segno ma manda sopra la traversa davanti a Ghislanzoni. Al 47' Castagna ci prova di nuovo ma Ferrari è bravo a deviare in angolo.


Lecco - Piacenza 1-3

Marcatori
: Castagna (L) al 25' p.t., De Vecchi (P) al 33' p.t.; Marrazzo (P) al 12' s.t. su rigore, De Vecchis (P) al 37' s.t.

Lecco: Ghislanzoni 6, Aldeghi 5,5 (Giardini s.v. dal 23' s.t.), Bugno 5,5, Gritti 5, Bergamini 5, Redaelli 5 (Rota s.v. dal 28' s.t.), Di Ceglie 5, Romeo 5 (Cardinio s.v. dal 36' s.t.), Castagna 6,5, Mauri 5, Aldegani 5. A disposizione: De Toni, Malvestiti, Vaglio, N. Galli, Martinelli, Ripamonti, Cardinio. Allenatore: Butti. 

Piacenza: Ferrari, Cavicchia, Rossi, Orlandini (Fumasoli dal 38' s.t.), Tognassi, Martinez, Alessandroni, Cortesi, De Vecchis, Volpe (Martino dal 36' s.t.), Marrazzo (Bovi dal 20' s.t.). A disposizione: Serena, Milani, Pani, Colombo, Minasola, Arena. Allenatore: Viali.

Arbitro: Massimi di Termoli (Turchetto di Portogruaro e Nocenti di Padova).

Note: ammoniti Di Ceglie, Redaelli, Romeo (L), Rossi e Tognassi (P); espulso Aldegani (L) al 33' s.t. per un fallo di gioco. Partita a porte chiuse.

Marco Valsecchi

In collaborazione con a:

Forum in manutenzione per rinnovo del server.